Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Milano: Circuito MADISON 2ª Tappa - Cat. IV


Fotogallery


Report

Hesham Nasar vince la 2° Tappa del Circuito Madison 2010!
Klondike
Il gelido vento del nord sferza le vallate e le pianure a ridosso del lembo di terra più ambito del mondo. All’orizzonte una nuvola di polvere s’alza e s’avvicina accompagnata dal tintinnio metallico di vettovaglie; sono loro gli arditi pionieri giunti da ogni parte con i loro carri pieni di attrezzi, pronti a riempirli del famigerato giallo metallo. Incuranti di difficoltà, ostacoli di ogni ordine e grado fanno a gara per aver di spettanza la propria concessione e poi via alla ricerca del tanto sospirato oro. Lo Sporting Milano3 come d’incanto si trasforma nella Dawson City d’altri tempi, nei mitici territori del Klondike ove solo una legge esiste: battere il proprio avversario! Per l’occasione una miriade di giocatori si riversano per le sue piane e vallate, la rotta ormai è stata tracciata e allora che inizino le “danze” e che la vittoria arrida al più fortunato e temerario. Seconda tappa del Trofeo Madison, con qualche defezione ma con tutti i migliori presenti per difendere la classifica conquistata se non ha migliorarla in vista del premio finale.
La rappresentanza dei Light è formata da nove giocatori, la cui presenza è addolcita da Miss Giorgia, che nonostante le sembianze in campo lotterà alla pari con i più agguerriti avversari e grazie anche alla classifica a punti, già sperimentata precedentemente e molto apprezzata, riuscirà nell’impresa di superare indenne il girone e passare avanti nel proseguo del torneo Light.
Cominciano gli incontri e al primo turno quasi tutto nella norma, solo Marone perde con Passos da Ossola per 3-0; ricordiamo il bel incontro disputato da Nugnes contro Curreli perso solo al 5° game; Mangeri strappare un gioco a Guasco ma poi soccombere per 3-1; Longoni vincere contro D’Alonzo 3-1 al 4° gioco per 14-12; Dell’Acqua molto migliorato arrivare al 4° contro il più quotato Mantovani; il solito Lai battere 3-0 Mainolfi, buon Light che si cimenta anche in quel di IV Categoria.
Ottavi: Trotta ancora una volta trova sulla sua strada Nasar e ancora una volta ci lascia le “penne” anche se i game sono molto tirati nei parziali, che ormai sia diventato la sua bestia nera? Mantovani regolare nei parziali per 3-0 contro Longoni; Minichino 3-0 su Valerani junior; Curreli 3-0 contro Francia, un Light che aveva passato il turno per ritiro del proprio avversario; ancora Passos a valanga su Guasco con un secco 3-0 e parziali “umilianti”; Maccabelli, uno dei favoriti, 3-0 contro Lizzio che migliora di volta in volta; Rettore il vincitore della precedente tappa batte 3-1 un ottimo Guidotti; infine la prima vera grande sorpresa del torneo ovvero Lai che riesce nell’impresa di battere Bignotti, numero uno della classifica di IV categoria, per 3-1 dopo una vera e propria battaglia agonistica e con parziali che più risicati non si può.
Quarti: son di fronte Mantovani e Lai, quest’ultimo non ha ancora smaltito le fatiche del precedente incontro, lotta perde due game 11-9 ma alla fine soccombe 3-0; Minichino ora si trova di fronte Rettore e nulla può contro le sue possenti “bordate” e perde per 3-0; in questo quarto si trovano di fronte Maccabelli e Passos, l’esito dell’incontro è difficilmente pronosticabile, il primo è un muro di gomma, il secondo una furia della natura; l’incontro si protrae per quattro game alla fine dei quali Maccabelli s’impone per 3-1; l’ultimo quarto è il più intenso agonisticamente parlando e mette di fronte Nasar e Curreli che si erano incontrati due settimane prima sui campi di San Lazzaro non senza polemiche. In quell’occasione l'aveva spuntata Curreli e ora il mitico “leone d’Egitto” vuole la sua rivincita. Giochi durissimi da ogni punto di vista e contatti fisici soventi, parziali da paura 11-9, 11-10 (si giocava all’11 secco) 13-11 ma alla fine Nasar ha la meglio e vince per 3-1.
Semifinali: nella prima si fronteggiano Nasar e Mantovani; la partita è senza storia perché dall’alto della sua esuberanza fisica il primo stronca ogni velleità del suo avversario e vince facilmente per 3-0 giungendo in finale; nella seconda semifinale che è la riproposizione della finale della prima tappa vinta allora da Rettore su Maccabelli; l’incontro è intenso e nervoso, ognuno vuole prevalere sul proprio avversario. Maccabelli cerca in tutti i modi di contenere la potenza di fuoco di Rettore e in parte ci riesce e così facendo si giunge sino al 5° game, lasciando per strada parziali da brivido: 8-11, 11-9, 9-11, 11-8 e infine 11-9 a favore di Maccabelli che così riesce nell’intento di vendicarsi della precedente sconfitta approdando meritatamente in finale.
Finale 1/2: eccoli ora di fronte l’uno all’altro, la voglia di estrarre le pistole e dimostrare chi è il più veloce e forte; gli sguardi s’incrociano e la partita inizia. Il primo game è già una battaglia, Maccabelli prende il largo poi Nasar lo raggiunge e sul filo di lana 11-9 per il primo. Nel secondo gioco punto a punto sin sul 6-6 poi break di Nasar che mantenendo due punti di vantaggio vince 11-9. Nel terzo game partenza a razzo di Maccabelli poi mentre Nasar ricuce piano piano il punteggio, dopo l’ennesimo scontro in campo, (sempre accidentale) i due si fronteggiano a muso duro come nei migliori saloon d’epoca western. Pronto intervento del capitano delle “giubbe rosse” Sam Steel e situazione che rientra nei ranghi, anche se sotto la cenere la rabbia è tanta. Ripreso l’incontro si continua col solo canone di punto a punto e alla fine la spunta Hesham Nasar che si porta sul 2-1.
Nel 4° game la partita volge decisamente a favore di Nasar, Maccabelli anche a causa dei precedenti 5 game tiratissimi con Rettore, accusa la stanchezza e le sue polveri sembrano irrimediabilmente bagnate. Il suo avversario si aggiudica il parziale con un facile 11-5 e portandosi sul 3-1 vince la seconda tappa del Circuito Madison.
Finale 3/4: sono di fronte Rettore e Mantovani, la partita dura solo il primo game dove a fatica il primo riesce a vincere 11-9; nel secondo Mantovani cede di schianto per 2-11 e nel terzo 8-11 lasciando al suo avversario le terza piazza del torneo. Che gli consentirà, se i calcoli non m’ingannano, di dire che avremo tre giocatori al primo posto o giù di li.
Finale 5°: il potente Passos e l’immarcescibile Lai; le bordate del primo sono troppo potenti e allora Lai anche molto stanco s’arrende, pur sempre dando il massimo e perde con un secco 3-0.
Finale 9°: sono di fronte Trotta e Guidotti e danno inizio al loro incontro che nei primi tre giochi è tiratissimo e incerto; ecco cosa dicono i parziali: 9-11, 11-10, 9-11. Nell’ultimo Trotta un po’ stanco per il suo continuo “turbinare” in campo cede le armi e soccombe per 5-11 e perde l’incontro 3-1.
Finale 17°: questa finale viene disputata al meglio dei 2 giochi e la vince Romagnolo contro Nugnes per 2-0 ma i parziali sono 13-11 e 11-9!
 
Ora torniamo ai Light. Come sopra menzionato nove sono i giocatori, allietati dalla presenza femminile di Giorgia Marzinotto, che suddivisi in tre gironi si sfideranno gli uni contro gli altri, andando a delineare una classifica basata sui punti fatti e subiti. Questa formula già in precedenza sperimentata è molto apprezzata in quanto non permette calcoli di ogni sorta e solo alla fine stabilisce le gerarchie. Infatti alla fine delle partite tre giocatori si insediano al primo posto con 66 punti, due al secondo con 51 e poi rispettivamente 42, 37, 36, 35. Colpo di scena, il “gigante” Delicato Massimo per un solo punto deve abbandonare la contesa proprio a favore della dolce donzella; mai fidarsi delle donne sembra dire lo sfortunato giocatore.
In base alla classifica definitiva dei gironi Colombo sfida la Marzinotto per il 7° posto, vincendo per 2-0; il quinto posto se lo aggiudica Calabrò per 2-1 contro Zaccheo.
Nelle semifinali tra i primi quattro nel primo incontro Botti vince al 5° game contro Mainolfi dopo una dura battaglia fermando il risultato dell’ultimo gioco 13-11 a proprio favore. Mainolfi deve arrendersi, forse anche perché stanco in quanto disputando anche il torneo di IV categoria, disputerà alla fine della giornata una decina di partite, rifacendosi di un precedente torneo dove tra defezioni e infortuni era praticamente avanzato in tabellone stando “al palo”. Nella seconda semifinale troviamo di fronte Botturi e Francia che anche lui ha partecipato al torneo di IV categoria e paga lo sforzo perdendo nettamente per 3-0.
Finale 1°/2°: sono di fronte Botti e Botturi che danno vita ad un incontro intensissimo terminato al 5° game a favore di Botti. Nella finale per 3°/4° posto Mainolfi ritrova una briciola di energie e al foto finish batte al 5° game con l’incredibile risultato di 12-10 il suo avversario Francia.
Al termine premiazioni per tutti e sorteggio finale di un paio di scarpe, sorteggio molto ma molto pilotato, che vede nella bella e simpatica Giorgio Marzinotto la fortunata vincitrice, con soddisfazione di tutti i presenti.
Cala la sera, minatori, ricercatori e chiunque altro se ne sono andati dopo una dura giornata di lavoro; setacci, picconi, padelle restano sul terreno; il vento che s’è alzato batte la piana e ogni cosa svolazza qua e là; in campo una pallina situata sulla “T” oppone resistenza e nel leggero tremolio mette in evidenza i doppi puntini gialli che assomigliano ad occhi di felino pronti a minacciare chiunque volesse invadere il suo territorio. Quella pallina sembra dire che nulla potrà spostarla dal campo da gioco, lei è sempre lì e sempre lo sarà pronta ad aspettare come la pepita più preziosa i temerari giocatori che vorranno raccoglierla per giocare al gioco più bello del mondo!
Arrivederci alla terza tappa del trofeo Madison.
Maurizio Valerani

Risultati per piazzamento

1. Nasar Hesham (Club: TBA)
2. Maccabelli Alessandro (Club: Squash Bag)
3. Rettore Alessandro (Club: Varese Squash)
4. Mantovani Alessandro (Club: Squash Bag)
5. Passos Marcelo (Club: Ossola Squash)
6. Lai Maurizio (Club: Sportsman Club)
7. Minichino Luca (Club: Mediolanum Forum)
8. Curreli Federico (Club: Millennium Sport & Fitness)
9. Guidotti Gianluca (Club: Varese Squash)
10. Trotta Fedele (Club: Nuovo Fitness Center)
11. Lizzio Eros (Club: Ossola Squash)
12. Bignotti Vittorio (Club: Millennium Sport & Fitness)
13. Valerani Alessandro (Club: A.S.S.I. Squash Team)
14. Francia Matteo (Club: Ossola Squash)
15. Guasco Fabio (Club: Nuovo Squash Cengio)
16. Longoni Luca (Club: Selmart Monza)
17. Romagnolo Alberto (Club: Sporting Milano 3)
18. Nugnes Vasco (Club: Progetto Sport Milano)
19. Mainolfi Antonio (Club: Nuovo Fitness Center)
20. Marone Rossano (Club: Selmart Monza)
21. Dell'Acqua Alberto (Club: Progetto Sport Milano)
22. Franco Stefano (Club: Nuovo Fitness Center)
23. D'Alonzo Michele (Club: Mediolanum Forum)
24. Mangieri Nicola (Club: Mediolanum Forum)
25. Colonna Marco (Club: A.S.S.I. Squash Team)
26. Banzato Massimo (Club: Nuovo Fitness Center)
27. Valecci Stefano (Club: Squash Bag)
28. Hess Roland (Club: Sporting Milano 3)
29. Giuliani Orazio (Club: Sporting Milano 3)
30. Tiboni Roberto (Club: Selmart Monza)
31. Rinaldi Elena (Club: Varese Squash)
32. Giana Gianluca (Club: Ossola Squash)
33. Botti Manuele (Club: Magenta Squash)
34. Botturi Marco (Club: Squash Bag)
35. Calabrò Antonio (Club: Ossola Squash)
36. Zaccheo Matteo (Club: Ossola Squash)
37. Colombo Fabiano (Club: Sporting Milano 3)
38. Marzinotto Giorgia (Club: Magenta Squash)
39. Delicato Massimo (Club: Mediolanum Forum)
 
Classifica Circuito MADISON 2010 - Categoria IV e LIGHT

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI:

Circuito MADISON 2010 - 2ª Tappa 7 Marzo 2010: Sporting Club Milano3, Basiglio (MI) Info e iscrizioni: marco.vercesi@squash.it - Tel. 392.0364619

REGOLAMENTO Circuito MADISON 2010


Commenti dei giocatori


Per poter scrivere un commento devi effettuare il Login a Squash.it o tramite Facebook.
Se non sei ancora registrato a Squash.it, REGISTRATI ORA!


Nessun commento attualmente presente
Facebook Esegui il login tramite Facebook!
Utente:
E-Mail (per ricevere l'avviso di risposta)
Inserisci il testo del commento